venerdì 23 maggio 2014

Recensione: Di me diranno che ho ucciso un angelo di Gisella Laterza

                                           
          GISELLA LATERZA
                               
Di me diranno che ho ucciso un angelo

È quasi l'alba. Aurora, di ritorno da una festa, sta per addormentarsi sul tram che la porta a casa. Forse è stanca e stordita, forse sta solo fantasticando, ma lo sconosciuto che all'improvviso le rivolge la parola ha un fascino così misterioso da non sembrare umano. In un'atmosfera sospesa tra sogno e realtà, Aurora ascolta la sua storia. La storia di un angelo caduto sulla terra per amore di una demone, deciso a compiere un lungo viaggio alla scoperta dei sentimenti umani per divenire mortale. Un'avventura che forse non è soltanto una fiaba, perché raccontare una storia - e ascoltarla - è il primo passo per farla diventare reale.




Gisella Laterza ha pubblicato con Rizzoli il suo primo romanzo d'esordio. Un talento fresco e giovane che è stato notato dalla casa editrice, tanto da permetterle la pubblicazione del suo libro Di me diranno che ho ucciso un angelo.
Il romanzo è una favola moderna, raccontata ai giorni nostri con uno stile immediato e fortemente emotivo.
Aurora è una ragazza adolescente che si porta dietro i classici problemini della sua tenera età, e durante un viaggio sul tram incontrerà un ragazzo davvero molto particolare. L'uomo ha biondi capelli dorati e sembra appartenere a un'altra dimensione a lei sconosciuta. Aurora è al tempo stesso incuriosita e spaventata da quella presenza che per qualche strana ragione, non sembra totalmente umana.
Aurora affronterà le sue insicurezze e ascolterà la storia che quel ragazzo, o angelo, le racconterà.
La storia prende il via grazie al racconto dell'angelo. Una storia in bilico, su un filo sottile, tra fantasia e realtà. Una storia che supera le barriere fisiche e temporali, raccontando un viaggio insolito e riflessivo.
Il romanzo narra il lungo e tortuoso viaggio che la demone e l'angelo dovranno affrontare per incontrarsi.
Una difficile esperienza che saranno costretti a vivere per imparare a diventare umani e legarsi in amore.
Vagheranno come anime curiose e sofferenti alla ricerca l'uno dell'altra. Incroceranno sguardi di passanti che muteranno il loro aspetto e la loro natura. Rendendoli più umani.
Di me diranno che ho ucciso un angelo è una bellissima storia d'amore, raccontata attraverso forti emozioni e riflessioni che trasudano in ogni pagina del libro. Ogni capitolo è una lezione di vita da imparare e una lezione da superare per migliorarsi.
Gisella mi ha piacevolmente rubato il cuore con il suo romanzo d'esordio. I protagonisti si sono fatti strada dentro la mia anima e l'hanno marchiata con le loro emozioni, arricchendola.
Non è un libro banale, anche se potrebbe sembrare un breve romanzetto per ragazzi, ma nasconde un grande e importante contenuto che evapora dalle parole stesse.
Le descrizioni non sono esaustive, ma credo sia stata una scelta voluta proprio per concentrarsi su altro. I protagonisti, sia principali che secondari, sono i punti focali della narrazione. Ognuno di loro è indispensabile per sviluppare la storia e per renderci parte integrante del lungo viaggio.
Una lettura consigliata a un pubblico molto ampio perchè tocca le corde del nostro cuore silenziosamente. Una lettura consigliata per evadere dalle centinaia di imitazioni di libri a cui siamo abituati.

15 commenti:

  1. Ciao Lucrezia ^.^ questa autrice l'ho scoperta grazie al suo racconto "Sogni perduti e birra scura" che si trova nell'antologia Diari dal sottosuolo...mi ha davvero colpito, e vorrei leggere al più presto questo suo romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te lo consiglio perchè è davvero molto carino ^^

      Elimina
  2. Ciao Lucrezia, sono felice il libro ti sia piaciuto, io al contrario tuo l'ho detestato. Non mi è piacuito per niente e più che una favola per adulti, non so, non mi ha coinvolto, l'ho trovato noioso e pieno di ripetizioni.... Va beh, tutti i gusti sono gusti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vero? E' proprio vero che i gusti sono gusti, sarà che avevo bisogno di storie non impegnative e questa mi ha davvero rilassata :)

      Elimina
  3. Davvero bello questo libro! L'ho letto a dicembre, periodo natalizio conciliatore di atmosfera magica, e mi è piaciuto un sacco! E' vero, tocca le corde del cuore quatto quatto.
    Per non parlare della bellezza della cover... *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy, concordo con te! A me è piaciuto davvero tanto e mi ha regalato ore di piacevole compagnia :)

      Elimina
  4. Ciao Lucrezia :3
    sento sempre parlare abbastanza bene da quasi tutti di questo libro, e in effetti mi incuriosisce soprattutto perché diverso dal solito ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa! Come ogni libro ha pareri positivi e negativi, io consiglio sempre di leggere qualcosa se ci incuriosisce perchè non siamo tutti uguali :)

      Elimina
  5. Come sai, l'avevo trovato bello bello :3

    RispondiElimina
  6. Ma che storia bellissima, mi hai incuriosito tantissimo.

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. eheheheheh si vede proprio che sono gusti XD

      Elimina
  8. Lo voglio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Adesso faccio un giretto on-line ed approfittando di qualche offerta lo compro!

    RispondiElimina