lunedì 24 novembre 2014

Recensione: Shotgun Lovesongs di Nickolas Butler

        NICKOLAS BUTLER
         Shotgun Lovesongs

Henry, Lee, Kip e Ronny sono cresciuti insieme a Little Wing, una cittadina rurale del Wisconsin. Amici fin dall'infanzia, hanno poi preso strade diverse. Henry è rimasto nella fattoria di famiglia e ha sposato il suo primo amore, mentre gli altri se ne sono andati altrove in cerca di fortuna. Ronny è diventato una star del rodeo, Kip ha fatto i soldi in città e il musicista Lee ha trovato la fama ma ha avuto il cuore spezzato. Ora tutti e quattro sono tornati in paese per un matrimonio. Ma vecchie rivalità si insinuano nel clima di festa e nella felicità del ritrovarsi, e il segreto di una moglie minaccia di distruggere un matrimonio e un'amicizia. "Shotgun Lovesongs" è un vibrante inno alle cose che contano davvero nella vita, l'amore e la lealtà, il potere della musica e la bellezza della natura.



Shotgun Lovesongs è la storia di una stretta banda di amici, ambientata nelle campagne del Wisconsin. La storia di cinque amici, nati e cresciuti nello stesso luogo, che alla meta dei trent'anni si ritrovano a fare un bilancio della loro amicizia e anche della loro vita.
L'autore ci delizia con una immersione sulla natura dell'amicizia, sentimento ricco di compromessi, di bugie, di legami indissolubili.
Il romanzo si articola in capitoli alternati, ognuno visto attraverso il punto di vista dei vari protagonisti. 
Questa struttura ci permette di approfondire ogni personaggio, di scavare a fondo nei loro pensieri per capire di più, di vedere oltre alla descrizione e di sentire ogni minima sfumatura, insicurezza e desiderio.
Abbiamo Henry, un uomo profondo, spesso silenzioso che gestisce la fattoria del padre senza grossi guadagni. La sua ricchezza non è economica ma risiede nel legame con la moglie Beth e dei suoi figli.
Lee, migliore amico di Henry, è una star, un celebre cantante che ha deciso di abbandonare il Winsconsin per la grande città. La sua fama, però, non è capace di colmare la mancanza della sua "vera" casa e delle persone a lui care. La ricchezza non lo rende felice e soddisfatto della sua vita.
Ronny è impacciato, una ex stella del rodeo, ed è rimasto senza futuro e senza prospettive.
Kip è riuscito a fare fortuna, a sposarsi ma non ad appagare i desideri della moglie.
Infine c'è lei: Beth. 
Cinque personaggi che si mettono a nudo e si espongono per quello che sono e per quello che non sono, si confrontano e si rivelano. Perchè le persone cambiano nel tempo e non sempre per il meglio.
Nickolas Butler non utilizza un linguaggio complesso, troppo forbito e raffinato, ma cerca di arrivare dritto al cuore del lettore. Le sue parole sono come una sequenza armoniosa di note, di quel classico motivetto che ti entra nella testa e non ti levi più.
Le sue parole si trasformano in immagini e raccontano non solo la storia dei protagonisti, ma anche di un luogo che unisce tutti, di quel luogo che è una culla pronta ad accoglierli ogni volta. La casa è un punto chiave del romanzo, soprattutto per Lee, perchè rappresenta le proprie origini, il luogo che ti ha formato e che ti appartiene. Come una spina che ti entra sottopelle e si mimetizza, la senti ma non riesci a staccarla, ormai è diventata parte di te.
Shotgun Lovesongs ti lascia addosso una bellissima sensazione, lo senti... è feeling puro dalle prime pagine.

Ti suona famigliare, ti intrappola con una facilità rara e ti accompagna in un viaggio di formazione e di consapevolezza.
Lo consiglio perchè è un romanzo bello senza troppi fronzoli, che non ha bisogno di osare per farsi notare. Shotgun Lovesongs è speciale perchè racconta un po' di noi.
 

8 commenti:

  1. Finito adesso, e amato profondissimamente.
    Non so come parlarne, guarda. Mi ribolle nello stomaco e mi viene da consigliarlo a tutti.
    Un gioiello grezzo, ma prezioso. Questa banda di amici mi manca già :')

    RispondiElimina
  2. Sembra davvero interessante!!!

    RispondiElimina
  3. Lo vedo sempre quando vado in libreria... è sempre lì che mi guarda e mi dice "Comprami! Compramiii!". Ma io non sono mai convinta. Però la tua recensione mi è piaciuta, quindi, la prossima volta che vado in libreria, magari... =)

    RispondiElimina
  4. Grazie Lucrezia, con la tua recensione mi hai chiarito un po' le idee su questo libro, almeno ora so che potrei dargli una possibilità! Infatti ero super indecisa se leggerlo oppure no! Un abbraccio maria

    RispondiElimina
  5. Avevo già sentito pareri positivi su questo romanzo e la tua recensione mi invoglia ancora di più a leggerlo!

    RispondiElimina
  6. Ciao Lucrezia, avevo avvistato questo romanzo, ma avevo proprio paura dei troppi punti di vista, ma se mi dici che invece sono un bell'approfondimento, credo proprio che ci farò un bel pensierino

    RispondiElimina
  7. Non l'avevo mai notato in libreria ma questo è il genere di racconti che preferisco

    RispondiElimina
  8. Bello bello! Lo vogliooooooo. Dalla cover alla trama e, a quanto pare, anche fino alla storia, questo libro mi ispira moltissimo!!!

    RispondiElimina